Cosa vedere in provincia di Ragusa, le mete turistiche più amate

Sono numerose le attrazioni che il ragusano offre. Questo territorio è ricco di tesori architettonici, reperti archeologici, bellezze paesaggistiche e siti naturalistici…

La provincia di Ragusa si trova nella parte sud-orientale della Sicilia. E’ una delle mete turistiche dell’Isola più amate da italiani e stranieri. Sono numerose le attrazioni che questo territorio. Nel ragusano si trovano tesori architettonici, reperti archeologici, bellezze paesaggistiche, siti naturalistici, esperienze irripetibili in contesti intrisi di storia e fascino.

Tra le cittadine più interessanti della provincia di Ragusa ci sono le città tardo-barocche del Val di Noto. Oltre a Ragusa, anche Modica e Scicli sono patrimonio dell’Umanità UNESCO. Località che testimoniano il grande valore artistico-culturale di questo territorio. Abbondano chiese, palazzi, monumenti, viuzze e balconi scenografici che si intrecciano in centri storici incantevoli.

In provincia di Ragusa si trova Modica, la città del cioccolato e non solo

Modica sorge su alcuni pendii rocciosi, nelle cui pareti sono state scavate centinaia di grotte utilizzate nei secoli come abitazioni. Anche questa città, come Ragusa, è divisa in 2 parti: Modica Alta e Modica Bassa. Il centro storico è ricco di palazzi antichi, chiese e monumenti. Il centro è anche ricco di bar, negozi e botteghe di artigiani del cioccolato. Affascinante l suo labirinto di viuzze, scale, archi e cortili. Modica è un concentrato di estrema bellezza, che regala panorami sorprendenti.

Cosa vedere a Modica

Durante la visita della città sono da non perdere: il Duomo di San Giorgio (nella foto di copertina); la Chiesa di San Pietro; la Chiesa di Santa Maria del Gesù ed il vicino convento; il Castello dei Conti di Modica; la Torre dell’orologio, i cui meccanismi sono perfettamente funzionanti; il Palazzo della Cultura, che ospita il Museo Civico Archeologico; la Casa natale di Salvatore Quasimodo; il Museo del Cioccolato di Modica.

La città di Modica è famosa anche per la sua tradizione cioccolatiera. Durante la visita assaggiate il suo buonissimo cioccolato, conosciuto in tutto il mondo.

Scicli, città barocca da visitare in provincia di Ragusa

Città eccellenza del barocco siciliano e patrimonio UNESCO è Scicli. Da ammirare i suoi eleganti palazzi, le chiese rupestri. Qui si svolge durante il periodo natalizio uno splendido presepe vivente. Il suo territorio è stato abitato fin dal periodo neolitico. A Scicli sono presenti diverse cave e grotte carsiche che hanno favorito la nascita di numerosi insediamenti rupestri. La città sorge, infatti, tra colli e affascinanti canyon, in una pianura dove si incontrano tre valli, chiamate “cave”, ai piedi di speroni rocciosi.

La fiction de “Il commissario Montalbano”

Scicli, paese molto pittoresco, è diventato ancor più celebre grazie alla serie televisiva “Il Commissario Montalbano”. Il Municipio di Scicli compare in tutti gli episodi della fiction come il commissariato di polizia e si affaccia sulla via più scenografica della città. Sulla stessa strada si incontrano gli edifici più belli: chiese tardo-barocche e palazzi nobiliari in stile neoclassico, liberty e rococò, disposti secondo una concezione urbanistica barocca caratterizzata da spazio, luce e armonia.

Tra i palazzi più belli sono da ammirare: Palazzo Beneventano; Palazzo Fava; Palazzo Bonelli Patanè; Palazzo Spadaro, dentro il quale si trova l’Antica Farmacia Cartia.

Tra le numerose architetture religiose sono da non perdere: la Chiesa di San Matteo; la Chiesa di San Giovanni Evangelista; la Chiesa della Madonna del Carmine, in Piazza Busacca, la principale piazza della città; la Chiesa Madre di Sant’Ignazio, in Piazza Italia, la più grande piazza di Scicli; la Chiesa di San Bartolomeo, costruita in un canyon, in una zona conosciuta per le grotte scavate nelle pareti delle montagne e abitate fino agli anni ’50 del secolo scorso; il Complesso di Santa Maria della Croce.

Le bellissime spiagge di Scicli

Il comune di Scicli include anche tre frazioni marinare con bellissime spiagge e acque cristalline: Donnalucata, la frazione più grande e più vivace; Sampieri, il borgo di pescatori con i resti della Fornace Penna, un’ex fabbrica di mattoni costruita sugli scogli, affascinante monumento di archeologia industriale; Cava d’Aliga, frazione dalla costa rocciosa, lungo la quale sono presenti grotte e cavità create dalle onde del mare, come la “Grotta dei Contrabbandieri”.

Ispica, altra meta imperdibile in provincia di Ragusa

Il patrimonio artistico-culturale della provincia di Ragusa è davvero notevole e tra le perle di quest’area della Sicilia ci sono anche Ispica e Comiso.

Ispica è una piccola cittadina che sorge su una collina a circa 7 km dal mare, dov’è stata ricostruita dopo il terremoto del 1693. A valle, nel suo territorio, si trova il famoso Parco archeologico Cava d’Ispica. Si tratta di una vallata fluviale immersa nella macchia mediterranea, che contiene necropoli, catacombe, grotte preistoriche, eremi, chiese rupestri, un ginnasium greco, un nucleo abitativo medievale scavato nella roccia ed insediamenti che vanno dalla Preistoria fino al 1693.

Verso la fine di questa vallata si trova il Parco Archeologico della Forza. Qui sono numerose le testimonianze della presenza dell’uomo fin da epoche remote. Nell’odierna cittadina sorgono magnifici palazzi in stile Liberty e chiese barocche.

Comiso, piccolo centro tra i Monti Iblei, in provincia di Ragusa

Anche a Comiso e nel suo piccolo centro storico il barocco è una costante. Si sviluppa in un’estesa vallata tra i Monti Iblei abitata fin dall’epoca neolitica. Il paese, che ha dato i natali allo scrittore Gesualdo Bufalino, ha una lunga storia ed è erede di un’antica colonia greca. Conosciuto anche per la lavorazione della pietra dura, la “pietra di Comiso”, dopo il sisma del 1693 è stato ricostruito con il carattere settecentesco che vediamo oggi.

Tra i luoghi da visitare ci sono le due le piazze principali: piazza Fonte Diana, dove sorge l’omonima fontana; piazza delle Erbe, sulla quale si affaccia la bellissima Chiesa Madre Santa Maria delle Stelle. Di grande bellezza e importanza architettonica sono anche la Chiesa di San Francesco all’Immacolata e la Chiesa dell’Annunziata. Nel centro storico c’è anche il Castello dei Naselli d’Aragona. Un edificio curioso, sulla collina, è la Pagoda della Pace, un Tempio Buddista, uno dei pochissimi in Italia e in Europa. Tra gli altri luoghi interessanti ci sono le grotte del sito archeologico e naturalistico Parco di Cava Porcaro.

Vittoria, un altro affascinante luogo da visitare in provincia di Ragusa

Un altro affascinante centro ragusano, tra i più eleganti e curati, è Vittoria. Belle piazze, chiese barocche, palazzi in stile Liberty creano un’atmosfera molto suggestiva. Tra gli edifici religiosi più importanti sono: l’imponente Chiesa della Madonna delle Grazie; la bella Basilica di San Giovanni; il Calvario, un tempietto di forma circolare.

Numerose fontane adornano le villette e le piazze della città, come la monumentale Fontana del Garì nella Villa comunale. Sono molti gli edifici interessanti da ammirare, tra cui: il Teatro comunale, in stile neoclassico; il Castello Colonna Enriquez, oggi Museo Civico Polivalente; Palazzo Iacono; Palazzo Traina.

Al comune di Vittoria appartiene anche la splendida frazione balneare di Scoglitti, caratterizzata da un ampio litorale, spiagge dorate con sabbia finissima e dune bianche e acqua limpida.

Il piccolo borgo di Acate

Il piccolo borgo siciliano dei principi Biscari, Acate è una delle mete da visitare nel ragusao. Lunga la storia alle sue spalle e diversi i monumenti e le attrazioni da visitare in questo delizioso paesino che appare fermo nel tempo: il Castello dei Principi di Biscari; la Chiesa Madre di San Nicola di Bari; la Chiesa di San Vincenzo; l’ex Convento dei Cappuccini.

Chiaramonte Gulfi e Monterosso Almo

Di stampo medievale è il borgo di Chiaramonte Gulfi, patria di ulivi secolari e buon olio extravergine d’oliva siciliano. Arroccato su una collina molto panoramica, viene chiamato il “Balcone di Sicilia” ed è anche conosciuto come “Città dei musei”. Non mancano, inoltre, belle chiese da ammirare.

Da visitare è anche Monterosso Almo, uno dei borghi più belli d’Italia. Tra le mete da non perdere, oltre al centro storico con i suoi bei palazzi e chiese, ci sono l’Ipogeo di Calaforno, che veniva usato come sepolcro, come abitazione e come rifugio per i Cristiani in epoca romana, e la necropoli e i resti dell’abitato di Monte Casasia.

I luoghi de “Il commissario Montalbano”

Un viaggio in provincia di Ragusa, alla scoperta dei suoi meravigliosi e caratteristici centri, significa anche immergersi nei luoghi de “Il commissario Montalbano”. Luoghi che incantano per la struggente bellezza e resi ancor più celebri dalla famosa fiction qui ambientata. Ragusa Ibla, il Castello di Donnafugata, Modica, Scicli, la Fornace Penna di Sampieri, Punta Secca meritano assolutamente una visita. A Punta Secca, frazione di Santa Croce Camerina, si trova quella che nella serie televisiva è la casa del commissario Montalbano. Questo piccolo borgo marinaro è un paradiso fatto di mare, spiaggia, sole e relax.

Arte, cultura e tradizione in provincia di Ragusa

Nel Ragusano storia, arte, cultura e tradizione fioriscono con caratteristiche peculiari. Il tardo barocco ibleo è diverso dal barocco europeo, è nato dalla maestranza di abili artigiani locali che hanno scolpito la pietra calcarea del luogo e dato vita a facciate scenografiche, mensoloni, balconate panciute, putti, mascheroni e volti ghignanti o furiosi.

Un’architettura esuberante e grottesca, dall’alto valore artistico e storico, sboccia in un contesto in cui regnano pace, calma e calore.

Il territorio di questa provincia comprende elementi di grande fascino. Le dorate campagne ragusane sono disegnate dai tipici “muri a secco”, colorate da distese di alberi di carrubo, ulivi, mandorli e fichi d’India, punteggiate da antiche masserie siciliane e borghi rurali, e formano un paesaggio armonioso e incantevole. Dolci colline di pietra calcarea custodiscono formazioni rocciose, grotte, siti archeologici e percorsi per trekking o biciclette.

La bellissima costa iblea

Il litorale ragusano è caratterizzato soprattutto da ampie spiagge di sabbia finissima e bassi fondali che digradano dolcemente verso il largo. Le spiagge sono intervallate, di tanto in tanto, da scogliere frastagliate e tratti rocciosi ideali per lo snorkeling e altri sport acquatici.

La costa iblea è bellissima e tra le mete più apprezzate ci sono: la spiaggia di Marina di Ragusa; la Riserva Naturale Foce del Fiume Irminio; la spiaggia della Riserva Naturale di Randello; Punta Secca; Scoglitti; Donnalucata; Pozzallo; Santa Maria del Focallo; Punta Cirìga, con i suoi magnifici faraglioni.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

error: