Alla scoperta della Palermo medievale

Il capoluogo della Sicilia è anche un ricco contenitore di elementi del medioevo. Continua a leggere…


Nell’ambito della manifestazione “Notti di Sicilia” si è svolta l’iniziativa “Alla scoperta della Palermo medievale”. Gli amanti della città si sono incontrati davanti al noto Palazzo Sclafani, in Piazza S. Giovanni Decollato a Palermo. L’iniziativa è stata organizzata da BCsicilia – Per la salvaguardia e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali, in collaborazione con ATC a Guardie Sikane.

Durante la passeggiata sono stati affrontati i temi salienti dell’architettura religiosa e civile della Palermo del ‘300. Dagli hosteria delle grandi famiglie feudali, tra cui i Chiaramonte e gli Sclafani, alle chiese conventuali sino alle torri civiche, con un particolare accento a tutte quel patrimonio edilizio “minore’” in ombra, segno eloquente delle capacità costruttive degli architetti locali del XIV secolo.

Il percorso oltre a porre l’attenzione sui grandi complessi monumentali della Palermo del ‘300 quali Palazzo Sclafani, Palazzo Steri, Palazzo Artale e la chiesa di San Francesco, ha puntato i riflettori anche su una serie di edifici medievali inglobati in strutture di periodo successivo, tra cui Torre Busuemi in Palazzo Federico, Palazzo Santamarina, Palazzo Vanni e Palazzo Cefalá.

Il palazzo Sclafani costruito attorno al 1330 mostra chiare influenze normanne nella decorazione ad intarsi del prospetto così come nel Palazzo Steri, antica dimora dei Chiaramonte, poi sede del Tribunale dell’ Inquisizione. La torre Busuemi, inglobata all’ interno del barocco Palazzo Federico mostra una bifora trecentesca su uno dei fronti mentre il Palazzo Santamarina presenta un prospetto aperto in una serie di finestre a bifora tamponate e la tipica colonna angolare nel cantonale.

Tracce cospicue sono evidenti anche in uno dei prospetti di Palazzo Vanni e nella facciata di Palazzo Cefalá in via Alloro, aperto in una serie di finestre medievali, adorne di tarsie marmoree e di colonnine centrali. Un XIV secolo quello palermitano ricco di tendenze: dai riferimenti locali del periodo aureo normanno alle innovazioni del gotico continentale.
Nella foto di copertina il rosone della Chiesa di San Francesco a Palermo.

Segui BellaSicilia.it anche su Facebook mettendo “mi piace” alla pagina: CLICCA QUI

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

error: