Il “Cimitero Vecchio” di Santo Stefano di Camastra

Posto sulle colline della “città delle ceramiche“, a circa 1 km dal centro storico del paese, c’è il “Cimitero Vecchio“, continua a leggere…

Il “Cimitero Vecchio” può essere considerato un museo a cielo aperto della ceramica. Il rivestimento delle tombe è costituito da mattonelle maiolicate che costituiscono il più ricco e colorito campionario della produzione stefanese del XIX secolo.

Si tratta di uno dei luoghi simbolo della “città delle ceramiche”, un vero e proprio museo a cielo aperto delle maioliche. Una meta che ogni visitatore non può perdere.

Il cimitero è’ collocato sulle colline di S.Stefano di Camastra (Messina) a circa un chilometro dal centro storico. In un rettangolo, di circa 20 metri per 18, sono collocate quasi 90 tombe, a forma di cippi rettangolari. E’ stato il luogo di sepoltura ad inumazione utilizzato dai cittadini stefanesi presumibilmente nel corso della seconda metà del XIX secolo. Dopo il 1881 venne abbandonato in favore del nuovo cimitero comunale. Negli anni ’90 venne recuperato grazie ad un lavoro di scavo e restauro effettuato dalla soprintendenza dei beni Culturali e Ambientali di Messina. Vedi il video…

Le sepolture hanno forme diverse, ma tipologie d’impianto analoghe. All’interno del “Vecchio Cimitero” sono presenti circa 75 tipologie di mattonelle che “certificano” l’arte dei più vecchi artigiani della “città delle ceramiche”. Alcune piastrelle staccatesi nel corso dei decenni sono conservate nel museo di Palazzo Trabia di Santo Stefano di Camastra.

Segui BellaSicilia.it anche su Facebook: CLICCA QUI

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento