Per la festa del papà le “spinci” di San Giuseppe

Il 19 marzo, festa del papà, si festeggia San Giuseppe. Per questa ricorrenza viene preparato il famoso dolce siciliano. Continua a leggere…

In Sicilia le “spinci” sono dedicate a San Giuseppe, il santo protettore degli umili: semplici sono anche gli ingredienti del dolce. Nelle altre regioni d’Italia le “spinci” vengono preparate per San Martino, per l’Immacolata o per Natale; inoltre, in alcuni paesi non sono un dolce, ma un piatto salato completamente diverso da quello siciliano.

Le origini delle “spinci” vengono fatte risalire alla tradizione araba e, in particolare, allo “sfang“, una frittella di pasta addolcita con il miele.

Il nome “spinci” deriva dal latino “spongia”, ovvero spugna, e questi a sua volta dal greco “sfoggia”.
Le frittelle morbide, gustose e asimmetriche, che sembrano delle vere e proprie spugne, non sono state trasformate significativamente dalla cultura siciliana e la ricetta è rimasta simile a quella della tradizione araba.

Oggi le “spinci” sono facilmente reperibili in ogni pasticceria siciliana. Nel video la preparazione all’interno di una nota pasticceria di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina). Il contributo filmato è tratto dalla trasmissione “Special Box”, condotta da Giuseppe Speciale e trasmessa, ogni martedì alle ore 21:00, dall’emittente televisiva OndaTv visibile in Sicilia sul canale 85 e in diretta streaming su www.ondatv.it.

Esistono vari tipi di “spinci” (sfincia, sfincitedda e sfinciuni, appartenenti ora a preparazioni salate, ora a preparazioni dolci, provenienti ugualmente dalla stessa famiglia delle spinci) . Qui di seguito vi proponiamo la ricetta classica:

Ingredienti
½ litro d’acqua
100gr di burro
300gr di farina
7 uova
Un pizzico di sale
Zucchero

Preparazione: Sciogliere il burro in un tegame con l’acqua e aggiungere un pizzico di sale. Quando il burro è sciolto, spegnere il fuoco e unire la farina a mestoli, mescolando ogni volta, in modo da incorporarla bene senza creare grumi.

Lasciare raffreddare per 20 minuti e successivamente incorporare le uova, mescolando ogni volta. Quando l’impasto è omogeneo, lasciarlo riposare per 30 minuti. Scaldare l’olio di semi in un tegame e, quando è bollente, friggere l’impasto, pescandolo con il cucchiaio. Quando sono ben dorate, scolare le spince e deporle su carta assorbente. Spolverare con zucchero.

Buon appetito e naturalmente auguri a tutti i papà.

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook: CLICCA QUI

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento