Debutta in Sicilia BNI, la più grande organizzazione di scambio referenze al mondo

I primi gruppi di lavoro partiranno a Catania e a Messina. Continua a leggere…

Debutta in Sicilia BNI, la più grande organizzazione di scambio referenze al mondo. I primi gruppi di lavoro partiranno a Catania e a Messina. Negli ultimi 12 mesi, il volume d’affari generato al Nord e Centro Italia da BNI, l’organizzazione di scambio referenze e di business networking più grande e di successo al mondo, presente in 70 Paesi, è stato di 270 milioni di Euro.

Nel 2019 nasceranno i primi Capitoli, i gruppi di lavoro BNI, anche in Sicilia, grazie a due imprenditori, Antonella La Sorte, 58 anni e Giuseppe Tomasello, 36 anni (nella foto di copertina).

La Sorte terrà il primo info meeting preparatorio il 22 Gennaio all’Hotel Plaza di Catania, con la partecipazione di oltre 40 imprenditori. “Sono tornata in Sicilia – spiega l’imprenditrice – perché sono innamorata della mia terra e voglio dare il mio contributo alla regione per far crescere il lavoro anche qui. Un primo passo è stato avviare la mia impresa, di cui sono amministratore delegato, e adesso conto molto su BNI. So che mi son presa un impegno difficile per la nostra realtà, ma l’obiettivo è fare in modo che non si debba più emigrare dalla nostra splendida terra per lavorare”.

Tomasello terrà il suo info meeting il 23 Gennaio all’Hotel Royal Palace di Messina con altrettanti partecipanti. “Per caso a Roma – racconta – ho partecipato come ospite al Capitolo BNI Trionfale di Adriana Zanetti e subito ho deciso di portare questa opportunità in Sicilia. Mi ha colpito il metodo pratico ed efficace nel costruire referenze di qualità rispetto ad altre organizazioni di networking; inoltre BNI favorisce la buona comunicazione ed essendo in tutto il mondo, crea connessioni senza confini, aiutando ad allargare gli orizzonti.”.

La Sorte e Tomasello spiegano: “Le tipologie di attività rappresentate nei gruppi sono dal commercialista all’avvocato, al medico, agenzia web, consulente finanza agevolata e agente immobiliare, etc; da questi nascerà il numero di Capitoli necessario perché in ognuno non ci sia più di un professionista per settore perché una regola in BNI è la non concorrenza”.

Come funziona BNI? Si tratta di un sistema di passaparola strutturato fondato negli USA 33 anni fa dal consulente d’azienda Ivan Misner, mosso dalla necessità di aumentare il proprio fatturato.
I Membri sono imprenditori e professionisti, che si ritrovano ogni settimana in Capitoli, per sviluppare il proprio giro di affari attraverso un sistema strutturato di passaparola, sulla base di un rapporto di reciproca fiducia e con modalità che vengono opportunamente insegnate. Far parte di un Capitolo vuol dire avere accesso alla rete di contatti di tutti i Membri del gruppo. Questo approccio è fondato quindi sul principio del “Givers Gain” (chi dà, riceve), perché appunto si condividono contatti, idee, network, referenze di business.

In Italia, BNI arriva nel 2003, a Lainate (MIlano) grazie a Paolo Mariola, National Director di BNI Italia. Mariola, Laurea in Economia, già imprenditore in una società di sistemi informativi ,dopo la carriera manageriale in Accenture, Gruppo Generali, Mediobanca, Cap Gemini ed Ernst & Young, attualmente, è considerato il principale esponente e il riferimento più autorevole per il Referral Marketing (Marketing delle referenze) e l’economia collaborativa in Italia grazie anche alla pubblicazione di alcuni volumi sul tema e l’intensa attività convegnistica.

Segui BellaSicilia e OndaTv anche su Facebook, YouTube e Instagram

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento