La Settimana Santa a Galati Mamertino

Numerosi appuntamenti per poter rievocare momenti storici e tradizionali “fra memoria e devozione. Continua a leggere…

L’Amministrazione Comunale di Galati Mamertino (Messina), guidata dal Sindaco Nino Baglio, con il supporto delle Associazioni Locali Anspi e Pro Loco da il via al programma della Settimana Santa di Galati Mamertino, fitto di appuntamenti che consentono di poter rievocare momenti storici e tradizionali “fra memoria e devozione”.

Passio Christi” l’appuntamento di sabato 24 marzo nella Chiesa del Rosario, con l’autorevole intervento di Mario Sarica, curatore scientifico del Museo Cultura e Musica dei Peloritani per far rivivere rituali e canti di tradizione della Settimana Santa a Galati Mamertino e nei Nebrodi, per poi passare alla rassegna del patrimonio della statuaria presente nelle Chiese di Galati Mamertino affidatoa all’intervento di Don Vincenzo Rigamo e alle letture di esperienze locali legate alla tradizione affidate ad Antonietta Bontempo.

Il tutto sarà coronato dai canti della Passione: “Stabat Mater”, “Sarvi Rigina”, “U Verbu”, “Lu venniri matinu” affidati agli artisti locali Antonio Smiriglia, Calogero Emanuele, Franco e Sebastiano Montagna, Pinello Drago.

Seguono gli appuntamenti della Domenica delle Palme con la processione, la “Cerca” del giovedì Santo, per chiudere con la storica e tradizionale processione del Venerdì Santo con i “Misteri della Passione e Morte di Cristo”.

La realizzazione del programma vuole essere un modo per rievocare e tramandare quelle tradizioni locali che meritano di essere consegnate alle future generazioni locali per non disperde un patrimonio tra sacro e profano di una Comunità che fonda le sue radici al periodo arabo .normanno.
Appuntamenti – dichiara l’assessore Vincenzo Amadore – che offrono la possibilità di esaltare le peculiarità di una comunità, terra dell’arte enogastronomica dei Nebrodi, percorsi ed itinerari agro-pastorali oltre che depositaria dell’importante patrimonio artistico – culturale presente nelle chiese e nei musei del luogo.

Segui BellaSicilia anche su Facebook: CLICCA QUI

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento